Dopo la pandemia torna il bello del mattone

24.07.2020
Il bello del mattone riveduto e corretto nel post Covid. La quarantena ha portato gli italiani a ragionare sulla loro vita e soprattutto sugli spazi in cui mangiare e dormire. E questo si sta riflettendo in un cambiamento epocale sulla scelta della casa e sulla rivoluzione degli ambienti. Di conseguenza la ricerca degli immobili da acquistare o da affittare dopo il coronavirus punta alla necessità di trovare e creare spazi adatti allo smartworking sempre più diffuso fra gli italiani, che garantiscano privacy e anche il riparo da rumori esterni. Stesso discorso per i figli, che con l'educazione a distanza hanno esigenze simili. Il lockdown e il dover rimanere in casa a lungo ha fatto emergere inoltre il bisogno di vivere in abitazioni con giardino. O almeno un terrazzo abitabile fra le caratteristiche oggi più richieste mentre, più sul versante del lusso, sale la voglia di possedere una piscina in casa. La quarantena, inoltre, ha leggermente influito anche sulla domanda abitativa: in alcuni casi si predilige di più acquistare appartamenti più ampi e con spazi esterni privati rinunciando alla centralità. Il soggiorno si riduce a favore dei balconi più larghi e della cucina più ampia.

Approfondimenti recenti

Finestre aperte e motoscafo al pontile: George Clooney è arrivato sul Lago di Como

29.06.2022
Finestre aperte e motoscafo al pontile: George Clooney è arrivato sul Lago di Como

Guardie del corpo a Villa Oleandra: l'attore trascorrerà un mese a Laglio; George Clooney è arrivato. La star di Hollywood è giunto a Villa Oleandra, in riva al Lago di Como, lunedì scorso. I segnali del suo arrivo sono chiari e inequivocabili: guardie del corpo presidiano l'esterno della ...

Continua

Milano Centrale, nuovo volto per piazza Luigi di Savoia e una torre di 90 metri con uffici al posto dell’Hotel Michelangelo

10.05.2022
Milano Centrale, nuovo volto per piazza Luigi di Savoia e una torre di 90 metri con uffici al posto dell’Hotel Michelangelo

E’ stato presentato stamani il progetto di riqualificazione che coinvolgerà piazza Luigi di Savoia, una delle piazze di accesso alla Stazione Centrale, e la demolizione dell’ex Hotel Michelangelo, al via entro giugno, al posto del quale sorgerà una torre destinata ad uffici, alta 93,5 metri, in cui potranno lavorare oltre 2mila persone. Questi gli ...

Continua